Vi ricordate la serie TV americana Sex and the City? La protagonista era un’autoproclamata feticista, adoratrice di scarpe! Oppure la First Lady Filippina Imelda Marcos, che aveva una collezione che arrivava alla leggendaria quantità di oltre 2700 paia di scarpe? Un po’ troppe per i miei gusti e anche per le mie tasche! Anche se non posso negare la mia smisurata passione per le scarpe, senza però arrivare ad una vera e propria fissazione o malattia.

Navigando nel web alla ricerca di informazioni, ho scoperto che sono stati fatti tantissimi studi sulla passione delle donne per le scarpe. Queste ricerche affermano che si può parlare di normalità quando si possiedono fino a 20 paia di scarpe; tra le 30 e le 40 paia possiamo parlare di vanità femminile, ma oltre le 50 paia gli esperti parlano di una vera e propria ossessione. E le donne dipendenti dalle scarpe non possono smettere di comprarne!

Per la regista Julie Benasra, le scarpe sono diventate un oggetto di culto. “Non sono un accessorio, come una borsa o gioielli che posso decidere se indossare o non indossare. Sono necessarie, diventano una sorta di estensione del corpo. Ecco perché devono rappresentare chi sei, in un certo senso sono parte di te.

Sapevate che le scarpe hanno significati precisi? I tacchi a spillo parlano di donne che vogliono riaffermare la fiducia. Le zeppe suggeriscono sensualità e desiderio di essere al centro dell’attenzione. Le ballerine e i sandali sono invece indossati da donne che amano il basso profilo. Danno una nota di distinzione e completano un look naturale; sono l’ideale per coloro che preferiscono la semplicità.

E poi diciamocelo: ci sono scarpe molto attraenti esteticamente ma che sono impossibili da indossare, soprattutto per chi si porta dietro qualche chilo in più (come me).

Per le donne vale senz’altro il detto che le scarpe vengono cambiate ogni giorno e che ce n’è un paio per ogni occasione. Sono il riflesso del nostro stato d’animo, alleate perfette per reinventarci. Indossando un certo paio di scarpe, istantaneamente giochiamo a essere un’altra, a scandalizzare, ad essere serie, forti o semplicemente principesse di una favola.

Ma che influenza hanno le scarpe sull’aspetto delle gambe? Il colore, il materiale, la struttura e l’altezza delle scarpe sono fattori che modificano la forma e la struttura delle gambe.

Alcuni consigli…

Le “ballerine” sostanzialmente non cambiano l’aspetto delle gambe, al massimo le faranno sembrare leggermente più robuste. Se però si indossano scarpe o sandali col tacco, la gamba diventa automaticamente più magra perché il muscolo visivamente si allunga e il piede sembra più sottile. Mentre una scarpa con cinghie, cinturino alla caviglia, catene, cerniere, fiori o stampe rende visivamente le gambe leggermente più grosse indipendentemente dall’altezza dei tacchi.

I sandali sono altamente raccomandati, essendo così leggeri, perché non aggiungono visivamente peso alla gamba. Bisogna però fare attenzione che le fasce non raggiungono la parte superiore della caviglia o la caviglia stessa, creando un taglio visivo, che accorcia la lunghezza della gamba. Solo se la caviglia è molto sottile si possono indossare sandali con il cinturino.

Le scarpe color nudo dovrebbero essere un must nell’armadio di ogni donna! Stilizzano la figura, aiutano ad allungare le gambe, essendo molto simili al colore della pelle. Ci sono diverse sfumature di nude, ed è importante trovare la corrispondenza più vicina al tono della carnagione. Ottime alleate se non si è molto alte e si hanno gambe cicciottelle.

Le scarpe con il plateau o la zeppa sono ideali per le gambe robuste, perché l’ampio supporto della scarpa e del tallone danno alla gamba un aspetto più sottile. Viceversa, se le gambe sono sottili, vanno rigorosamente evitate! Se proprio vi piacciono che non siano troppo alte.

E infine parliamo degli stivali, croce e delizia di tutte le donne! Se avete le gambe robuste, evitate gli stivali corti e scuri. Questi sono riservati esclusivamente alle donne magre. Se avete gambe un po’ grosse dovete puntare sui tacchi perché stilizzano la figura. Meglio un tacco medio non troppo largo. Privilegiate gli stivali al ginocchio che siano un po’ più larghi nella parte superiore. Se non avete le gambe lunghe evitate stivali alti sopra il ginocchio, a meno che non siano dello stesso colore, dei pantaloni.

Infine, non dimenticate che le scarpe sono considerate un accessorio che dovrebbe offrire comfort e “facilitare il cammino”, ma anche che mette in risalto la personalità di ciascuna.

Vi auguro buone scarpe ragazze alla prossima.