Mi chiamo Roberta Valania, sono una ex ballerina classica professionista, insegnante di danza, pilates e Garuda.

L’obiettivo delle mie lezioni, qualunque siano la disciplina e l’utenza di riferimento (bambini, ragazzi, adulti o anziani), è intraprendere insieme un percorso dentro il corpo per osservare, percepire, ascoltare, riconoscere e cogliere ogni sfumatura.

Il movimento deve essere consapevole e mirato al proprio benessere, ciascuno secondo quello che è. Per lavorare con me, sono necessarie concentrazione, volontà e pazienza per entrare nel lavoro e progredire nel percorso. E per fare ciò è importante la fiducia nell’insegnante ed è indispensabile la motivazione personale.

Sembra che io richieda tanto ai miei allievi, ma quelle che tengo non sono semplici lezioni di ginnastica! Lavorare con il proprio corpo richiede una grande concentrazione ed attenzione per poter giungere finalmente alla consapevolezza di sé e dei movimenti che si compiono.

Io stessa ho fatto sin da bambina un lungo percorso e ancora oggi sono in cammino; la vita ci chiama sempre a nuove esperienze.

Figlia di genitori separati, con un padre completamente disinteressato, ero una bambina poco socievole, con poche amiche ma con molta immaginazione e capacità creativa.

Ricordi emotivi della mia infanzia? Solitudine e sensazione di non essere compresa né dalla famiglia né dal resto del mondo.

Sogni? La riconciliazione di mamma e papà (utopia?).

La mia unica passione? la danza classica.

Ho vissuto un’adolescenza turbolenta; da “sfigata” asociale a trasformazione in “leader” della scuola: bella, look alternativo di tendenza, contestatrice del sistema e dell’autorità a prescindere: avevo successo.

Ricordi emotivi dell’adolescenza? ancora solitudine e la certezza di non essere compresa né dalla famiglia né dal resto del mondo; tanta rabbia.

Sogni? diventare ballerina e girare il mondo.

La mia unica passione? Ancora la danza classica.

A 23 anni mi sono trasferita a Bologna, mi sono sposata e ho avuto le mie due bambine, due angeli dagli occhi che incantano.

Ricordi emotivi da cucciolo di donna? Illusione di non essere più sola perché finalmente compresa dal vero amore.

Sogni? non pervenuti.

La mia unica passione? abbandonata.

E poi? Buio, lacrime e pura disperazione.

Gli occhi che incantano rimandano ciò che riflettono: la mia forza.

Donna sola con due bambine, cagnolina e coniglietta.

Ricordi emotivi dell’ età adulta? Solitudine a tratti, consapevolezza di essere compresa da Roberta, entusiasmo e gioia.

Sogni? Tanti.

Passioni? In espansione…

E tra le varie passioni la danza e il pilates!

Discipline che per loro natura richiedono presenza e coscienza.

Il mio percorso formativo, iniziato con la danza, dopo le due gravidanze è proseguito con il pilates ed il garuda.

Il mio corpo è cambiato così come le mie abilità; è quindi iniziato un nuovo appagante lavoro di ricerca e di scoperta.